Ritrova 800 milioni d lire, ma Bankitalia rifiuta di convertirglieli

In Francia, invece, la donna italiana è riuscita a convertire la parte di "tesoro" ritrovata in franchi: 3mila per l'esattezza. La disputa per il restante in lire finirà in Tribunale

“Spiacenti, non è possibile”. È quanto si è sentito rispondere una donna originaria di Verona ma da anni residente a Parigi, quando si è presentata alla Banca d’Italia con un ‘tesoro’ di ben 800 milioni di lire. Come riporta Il Messaggero, Carla Ferrari, questo il nome della signora, una volta aperta la cassetta di sicurezza del padre defunto ha trovato un malloppo inaspettato: 3mila franchi francesi e 800milioni di lire, conservati presso la filiale parigina della Bnp Paribas.

Tutto facile per i 3mila franchi, subito convertiti in euro dalla banca. Ma quando la signora, tornata in Italia, ha tentato di fare lo stesso con le vecchie lire, e ha suo malgrado scoperto che il cambio lire-euro non è più possibile da anni. Una beffa non da poco, considerando l’entità del ‘tesoro‘.

A quel punto la donna non si è accontentata del rifiuto e ha agito per vie legali, trascinando la Banca d’Italia in tribunale. A quanto pare, però, l’Italia è l’unico Paese della zona euro che non converte la vecchia moneta. E ci sarebbero ben dieci miliardi di lire non convertiti, di fatto inutilizzabili. Una norma del decreto Monti del 2011, addirittura, sanciva l’immediata decadenza del cambio lira-euro, ma un intervento della Corte costituzionale l’ha cancellata. Sarà il tribunale a decidere sugli 800 milioni di lire della signora Carla.