PRIVATE DEBT-Opportunità per gli Investitori

I prestiti effettuati direttamente alle imprese possono rappresentare una novità e una buona fonte di diversificazione e redditività per gli investimenti a medio termine. Oggi è possibile farlo attraverso fondi dedicati.

Siamo tutti a conoscenza di quanto sia difficile oggi avere dei rendimenti positivi nel mondo dell'investimento obbligazionario.
L'investitore italiano, abituato a decenni di cedole generose, deve fare i conti con un mercato in cui avere una cedola superiore all'1% significa mettere in campo un "tempo di investimento" minimo superiore ai 3 anni. Ovviamente lo stesso deve anche assumersi la responsabilità di poter sopportare significative oscillazioni potenziali sul prezzo del titolo (obbligazione o titolo di stato), così come abbiamo visto anche solamente un mese fa, quando in concomitanza con un ritorno di volatilità sul debito italiano, i BTP a tre anni hanno riportato variazioni negative di circa 3/4 punti percentuali.
A questo punto dove può guardare l'investitore per poter diversificare questa fonte di redditività in modo da poter alzare il rendimento atteso dei suoi investimenti?
Il PRIVATE DEBT. Da qualche anno in Italia si parla di Private Debt ... ma di cosa si tratta ed, eventualmente, come può il piccolo risparmiatore approfittare di questo nuovo mercato di investimento?
Il Private Debt consiste nel finanziamento, da parte di fondi dedicati, dello sviluppo delle piccole e medie aziende. Attraverso questi strumenti, obbligazioni senior, minibond, ibridi, prestiti garantiti, ABS ecc... si finanziano direttamente le aziende di medie dimensioni.
Si tratta di prestiti diretti, finalizzati alla crescita dimensionale o allo sviluppo internazionale delle aziende stesse effettuati da fondi chiusi dedicati. L'accesso a questi fondi fino ad oggi era riservato ad investitori istituzionali o family office, tuttavia a breve partiranno fondi dedicati il cui accesso sarà reso possibile anche ad investitori retail.
Questo mercato in Italia è cresciuto molto negli ultimi anni passando dai 150 mln investiti del 2014 ai 640 mln investiti del 2017, con rendimenti medi superiori al 5% (Fonte AIFI-Deloitte Febbraio 2018). Guardando a livello internazionale i ritorni assoluti di questa tipologia di investimento è addirittura mediamente ancora superiore all'esperienza italiana degli ultimi anni.
Ovviamente il costo da sopportare per avere un rendimento significativamente superiore alle normali condizioni del mercato obbligazionario è legato al periodo di detenzione medio dei prestiti che si aggira tra i 5/8 anni e dalla illiquidità della soluzione.
Attraverso la partecipazione ad un fondo di Privat Debt, posso dunque investire in obbligazioni e finanziamenti a società, garantendomi rendimenti nettamente superiori alla media di mercato, pagando come prezzo l'illiquidità dello strumento stesso fino a scadenza o avendo liquidazioni parziali con determinati meccanismi di rimborso o stacchi cedolari che dipendono dalla natura del fondo e degli strumenti inseriti al suo interno.
Sicuramente un nuovo strumento di straordinario interesse, sia in termini di opportunità e redditività che di educazione!

contatta l'autore dell'articolo