Le FAQ e il Manuale dell’investitore. Un esercizio di consapevolezza.

Ti è mai capitato di farti domande a cui qualcuno ha già risposto al posto tuo? Il Manuale dell’Investitore che ho in mente ne deve contenere almeno quattro. Scopriamo insieme quali sono

Con la diffusione di internet e dei servizi online, è ormai diventata pratica diffusa inserire nei siti web la sezione FAQ (acronimo che sta per "Frequently Asked Questions) a disposizione degli utenti, vale a dire le risposte fornite direttamente dall’autore del sito a domande frequenti poste dal pubblico.
Mi è accaduto di imbattermi in FAQ di scarsa utilità: troppo generiche oppure non adatte a rispondere alle domande che mi interessavano, altre volte semplicemente incomprensibili per l’uso che dovevo farne. In altri casi, invece, le FAQ si sono rivelate davvero utili e determinanti per farmi procedere senza esitazione nella navigazione del sito.
Per questo sono convinta che un manuale di domande e risposte sia un’idea pratica con molti aspetti positivi: infatti, in un manuale ben congegnato è possibile trovare tutti quegli “attrezzi” utili per realizzare ciò che ci interessa; è in grado di non farci perdere tempo e soprattutto, non ci costringe a tornare sempre al punto di partenza, visto che abbiamo una sorta di bussola con cui muoverci.
Anche per l’investitore è fondamentale dotarsi di un manuale di FAQ. Porsi domande rispetto ai propri investimenti è fondamentale come esercizio di consapevolezza di ciò che rappresenta il nostro “tesoro”. A tal fine, ho individuato alcune domande che in un ipotetico Manuale dell’Investitore possono fare la differenza e trasformare un investitore in un investitore consapevole.
Prima domanda: Cosa è in mio controllo e cosa non lo è? Trasferita sul piano finanziario, porsi una simile domanda vuol dire chiedersi se l’andamento dei mercati sia una variabile che possiamo o meno influenzare con i nostri comportamenti.
Seconda domanda: Qual è il primo passo verso il mio futuro? E quale verso il successo? In questo modo, mi chiedo se sono in grado di vedermi da qui ai prossimi anni e in che modo mi vedo.
Terza domanda (connessa alla seconda): Quanto tempo ho a disposizione per realizzare il mio progetto (il mio futuro)? Quando parliamo di investimenti e pianificazione finanziaria, il fattore tempo riveste un ruolo fondamentale: siamo in grado di calcolarlo nel modo giusto e a nostro favore?
Quarta domanda: Per realizzare il mio progetto (il mio futuro), posso farmi aiutare da qualcuno?
A queste domande proverò a dare una risposta nei prossimi articoli.

contatta l'autore dell'articolo