Invertire la direzione del tempo. Un aiuto per la pianificazione finanziaria?

Invertire la direzione del tempo: grazie a un recente esperimento, tornare indietro nel tempo sembra realizzabile per la fisica quantistica, ma nella pianificazione finanziaria sarebbe davvero utile?

Alcuni giorni fa mi è capitato di leggere più di un articolo che citava un esperimento condotto da fisici russi, svizzeri e americani, grazie al quale un computer quantistico è riuscito a tornare indietro nel tempo di una frazione di secondo. L'idea dell'esperimento era quella di dimostrare che, a dispetto delle leggi della fisica e della termodinamica, se, per esempio, un uovo cade in terra e si rompe, è possibile ricomporlo e farlo tornare al suo stato iniziale. Senza entrare nei dettagli di una materia affascinante ma complessa, spostiamo l'attenzione all'ambito finanziario. Sarebbe davvero utile per un investitore, ai fini di una corretta pianificazione finanziaria e patrimoniale, sapere che in qualsiasi momento può tornare indietro nel tempo - e quindi, rimediare alla mancata pianificazione dei propri obiettivi finanziari e di vita?
Gli investimenti, affinché generino valore, hanno bisogno di tempo, perché il rendimento (o meglio, il valore) di un investimento è composto di molti aspetti: oltre a una corretta individuazione degli obiettivi e dei progetti, è importante infatti avere chiaro entro quale orizzonte temporale si intende realizzarli. La generazione di valore di un investimento (che riguardi gli investimenti finanziari o la corretta pianificazione del passaggio di ricchezza all'interno di una famiglia di padre in figlio, o ancora l'investimento in un proprio progetto di vita al quale si affidano speranze e aspirazioni) richiede tempo perché produca effetti e sia duratura. Per citare un uomo che ha fatto del tempo l'arma vincente negli investimenti, cioè Warren Buffett, è proprio vero che si diventa ricchi avendo tempo a disposizione: "Investire con successo richiede tempo, disciplina e pazienza. Non è importante quanto talento o sforzo tu metta, alcune cose richiedono tempo [...]". L'idea di poter disporre di un tempo "a ritroso" non solo rischia di mettere in discussione le leggi della fisica su cui basiamo il nostro concetto di realtà, ma anche il nostro senso di responsabilità per le decisioni importanti che riguardano la nostra vita. C'è un tempo per vivere e per scegliere ed è sempre quello che abbiamo davanti a noi.

contatta l'autore dell'articolo